logo

Copalc: comunicato Federconsumatori Bologna

In aggiornamento a quanto già scritto riguardo al fallimento Copalc, comunichiamo che Federconsumatori ha partecipato alla conferenza stampa indetta da Confcooperative.

Con soddisfazione ha quindi potuto sentire dalle parole dei vertici che è interesse primario anche della Confederazione assicurare il diritto degli assegnatari alla tutela delle proprie case.

Federconsumatori auspica perciò che, al di là degli intenti, Confcooperative garantisca il più ampio apporto ad una positiva soluzione della vertenza.

La complessità della situazione è sotto gli occhi di tutti. Oltre al consorzio Copalc, dichiarato fallito ed al contempo oggetto di una procedura di liquidazione coatta amministrativa (coesistenza incompatibile, destinata dunque a risolversi a breve con la prevalenza dell'uno o dell'altra), sono coinvolte nella vicenda anche un nutrito gruppo di cooperative che al consorzio facevano riferimento e che le notizie ormai ufficiali danno a loro volta come oggetto di prossima sottoposizione alla liquidazione coatta.

L'intrico dei rapporti e delle situazioni che si sono verificate, unitamente alla non piena efficacia della normativa ed alla carenza di copertura che il d.lgs. 122/2005 ed il suo Fondo di Garanzia palesano in concreto e nel caso in questione, spingono Federconsumatori a rinnovare l'appello ad una azione unitaria degli assegnatari, per meglio sfruttare le opportunità di tutela che la legge può loro assicurare e per rendere più efficienti i rapporti che l'Associazione con i suoi legali si offre di fornire al cospetto delle Autorità, degli Organi della procedura e degli altri attori della complessa vicenda.

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo. close [ informativa ]