logo

DAZN: dopo la segnalazione di Federconsumatori la piattaforma modifica le condizioni contrattuali su disposizione dell’Antitrust

Nei giorni scorsi l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha riscontrato che gli aspetti vessatori presenti nelle condizioni contrattuali applicate da DAZN sono stati corretti. La nota piattaforma di sport in streaming online ha modificato le condizioni contrattuali in seguito alla segnalazione di Federconsumatori: siamo stati proprio noi a chiedere l’intervento dell’AGCM dopo aver appunto riscontrato l’insufficiente trasparenza e la scorrettezza delle condizioni di utilizzo, in particolare in merito ad alcuni aspetti del diritto di recesso e della risoluzione delle controversie.

Sono state in particolare apportate modifiche a:

La sezione relativa al diritto applicabile: ora, per eventuali controversie, viene specificata, come previsto dal Codice del Consumo, la competenza della giurisdizione italiana presso il foro del consumatore, mentre nella versione precedente si faceva riferimento al diritto della Germania;

E’ stata aggiunta la possibilità di esercitare il diritto di recesso tramite raccomandata A/R o email e non solo attraverso il sito web della piattaforma, inoltre è stato eliminato il rifiuto categorico di risoluzione delle controversie attraverso le istanze previste dalla normativa (Corecom).

Accogliamo positivamente le correzioni apportate e cogliamo l’occasione per invitare gli utenti a prestare sempre la massima attenzione a tutte le clausole prima di sottoscrivere qualsiasi tipologia di contratto.

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo. close [ informativa ]