logo

Federconsumatori Bologna: grande vittoria contro Hera per il servizio idrico

I nostri avvocati Giampiero Falzone e  Giuseppe Genna hanno ottenuto una grande vittoria nei confronti di Hera, ottenendo lo storno di una fattura di quasi 17.000 euro, oltre al pagamento delle spese legali.

La bolletta da record, recapitata ad un'anziana signora di Ozzano, era derivante non dai consumi esorbitanti (pari a quelli di una piscina olimpionica) ma da una perdita nelle tubature e da un contatore malfuzionante.

Tutto è cominciato nel 2007, con la sostituzione di un contatore malfunzionante (la signora aveva cominciato a segnalarne il cattivo funzionamento già due anni prima). nel 2009 arriva la famigerata fattura da 16.739 Euro e da lì inizia il calvario della Signora che si rivolge a Federconsumatori. Hera non retrocede, anzi, si rivolge alla società di riscossione Sorit di Ravenna che fa partire un'ingiunzione di pagamento, cui segue al momento della notifica, anche un atto di fermo amministrativo dell'auto della signora, sospeso poi dal giudice alla prima udienza insieme all'ingiunzione di pagamento.

Fortunatamente la vicenda "alquanto grottesca" si è conclusa bene - sottolinea l'avvocato Falzone -. Hera non ha fornito alcuba prova dei consumi e il Tribunale ha accolto in pieno tutte le istanze presentate dagli avvocati di Federconsumatori. Nella sentenza il giudice dà pienamente ragione a Federconsumatori e alla signora che sostengono come i consumi contestati siano "riconducibili non ai consumi effettuati dall'utente". Il giudice ha quindi annullato la maxi bolletta "dopo aver stigmatizzato la carenza dei requisiti di certezza, liquidità ed esigibilità del credito ingiunto".

Secondo Federconsumatori, questa sentenza crea un precedente importante, perchè non si tratta dell'unico caso. La problematiche relative alle perdite d'acqua e alla conseguente emissione di fatture anomale e ingenti, infatti, sono purtroppo sempre di più diffuse nel nostro territorio (circa un trentina di casi all'anno). Il presidente di Federconsumatori Bologna Gentilini e l'avvocato Falzone ricordano, inoltre, che il regolamneto Ato del 2009 "impegna Hera a dare una garanzia assicurativa per i consumatori contro le perdite d'acqua. Ripartiamo da quell'impegno- insiste Federconsumatori- a Ravenna è già prevista un'assicurazione, pagando qualcosa in bolletta. Perchè Hera non lo fa anche a Bologna?

In allegato la sentenza integrale

S.M.

 

File allegati

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo. close [ informativa ]