Il 22 febbraio 2017 Sergio Veroli, Vice Presidente Federconsumatori, insieme alle altre associazioni dei consumatori, ha incontrato il Presidente Fulvio  Bonavitacola, il vice Presidente Gianni Berrino e gli altri assessori ai trasporti del coordinamento delle Regioni in merito alla distorsione delle tariffe sovraregionali di trasporto ferroviario causate dall’algoritmo proposto da Trenitalia e accettato dalle regioni nel 2007.

Come è noto,  questo ha comportato un aggravio di spesa per i pendolari sino a 300 euro l’anno. Le 15 associazioni hanno chiesto un nuovo metodo di calcolo trasparente, giusto e equo che riallinei le tariffe con un risparmio di svariati milioni di euro per i pendolari interessati ai quali va anche riconosciuto un indennizzo per i maggiori esborsi sostenuti con le attuali e passate tariffe sbagliate.

Il coordinamento delle regioni per dichiarazione del Presidente Bonavitacola ha riconosciuto il diritto dei pendolari ad avere giuste tariffe e condivide la necessità che con Trenitalia si trovi una soluzione per il pregresso. Il coordinamento si è anche dichiarato disponibile a raggiungere un accordo a tre Regioni – Trenitalia – Associazioni Consumatori per rimediare agli errori commessi.

Le associazioni esprimono soddisfazione per il percorso proposto e per l’assunzione di responsabilità del coordinamento delle regioni e si adopereranno negli interessi dei pendolari nel corso dei prossimi incontri previsti il 28 febbraio con Trenitalia e i primi di marzo nuovamente con il coordinamento delle regioni.

2.416 Visite
  • Categoria dell'articolo:NEWS / TRASPORTI E TURISMO
  • Tempo di lettura:2 min. di lettura