Al momento stai visualizzando Bonus asilo nido 2022. A chi spetta e come si ottiene

Il Bonus Asilo Nido o Contributo Asilo Nido è un contributo economico, erogato dall’INPS, volto ad aiutare i genitori nel pagamento della retta di asili nido pubblici o privati autorizzati, oppure per le spese legate all’assistenza domiciliare di bambini affetti da gravi patologie croniche che necessitano di supporto presso la propria abitazione.

L’importo massimo erogabile al genitore richiedente, a decorrere dal 2020, è determinato in base all’ ISEE minorenni, in corso di validità, riferito al minore per cui è richiesta la prestazione, secondo le seguenti fasce:

  • ISEE minorenni fino a 25.000 euro = importo erogabile 3.000 euro;
  • ISEE minorenni da 25.001 euro fino a 40.000 euro = importo erogabile 2.500 euro;
  • ISEE minorenni da 40.001 = importo erogabile 1.500 euro.
  • Nel caso in cui non sia presente un ISEE minorenni in corso di validità, il budget assegnato sarà pari a 1.500 euro.
  • Il contributo mensile erogato dall’Istituto non può eccedere la spesa sostenuta per il pagamento della singola retta.

Le eventuali domande che, in base ai tempi di presentazione, per insufficienza di budget, non potranno essere accolte saranno comunque ammesse ma “con riserva”. Qualora a fine anno dovessero residuare somme ancora disponibili, le stesse domande potranno essere recuperate e poste in lavorazione secondo l’ordine di presentazione acquisito. L’INPS provvede alla corresponsione del bonus nelle modalità di pagamento indicate dal richiedente nella domanda (bonifico domiciliato, accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata con IBAN , conto corrente estero Area SEPA). Il richiedente deve essere il genitore che sostiene l’onere del pagamento della retta. Relativamente al contributo per forme di assistenza domiciliare, il richiedente deve coabitare con il figlio e avere dimora abituale nello stesso comune.

La domanda può essere presentata dal genitore di un minore nato o adottato  in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • cittadinanza UE;
  • permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria;
  • residenza in Italia

La domanda può essere presentata entro la mezzanotte del 31 dicembre 2022.

La domanda può essere presentata esclusivamente online all’INPS attraverso il servizio dedicato. In alternativa, si può fare la domanda tramite enti di patronato, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi. Qualora il richiedente intenda fruire del beneficio per più figli sarà necessario presentare una domanda per ciascuno di essi.

Per ulteriori informazioni consigliamo di consultare il sito dell’INPS o contattando l’INCA, il Patronato della CGIL. Invece, per la compilazione dell’ISEE potete rivolgervi a Teorema, uno dei caf della CGIL. Per presentare la domanda per richiedere il Bonus è necessario avere lo SPID, l’identità digitale, Federconsumatori è un punto per l’attivazione e l’identificazione SPID e il nostro servizio è totalmente gratuito

“Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. D.M. 10/08/2020 “SM

623 Visite