Al momento stai visualizzando Rincari luce e gas, cosa sapere

Il cosiddetto mercato libero è quella forma contrattuale in cui i clienti hanno liberamente scelto da quale venditore e a quali condizioni comprare l’energia elettrica e il gas naturale. Nel mercato libero le condizioni economiche e contrattuali di fornitura sono concordate direttamente tra le parti e non fissate dall’Autorità.
I servizi di tutela sono i servizi di fornitura di energia elettrica e gas naturale con condizioni economiche (prezzo) e contrattuali definite dall’Autorità destinati ai clienti finali di piccole dimensioni (quali famiglie e microimprese) che non abbiano ancora scelto un venditore nel mercato libero.
La normativa ha previsto il progressivo passaggio dal mercato tutelato a quello libero, prevedendo le date dalle quali i servizi di tutela di prezzo non saranno più disponibili

Quando termina il mercato di maggior tutela
Per le famiglie il superamento della tutela di prezzo è previsto entro il 10 gennaio 2024, data entro la quale verrà assegnato il servizio a tutele graduali ai clienti domestici che in quel momento non avessero ancora scelto un fornitore del mercato libero, garantendo la continuità della fornitura di elettricità.
Quindi fino al 10 gennaio 2024 NON E’ OBBLIGATORIO per una famiglia scegliere un fornitori di energia a mercato libero.

Contratti fuori dai locali commerciali – Diritto di recesso
I contratti redatti fuori dai locali commerciali o a distanza sono quei contratti stipulati al di fuori del punto vendita della società, ad esempio gli stand presso un centro commerciale, o all’interno del domicilio del consumatore, per strada, porta a porta o per telefono.
Noi non consigliamo di stipulare contratti a distanza, ma se lo avessimo sottoscritto possiamo esercitare il diritto di recesso inviando una comunicazione con valore legale (PEC, raccomandata rr., fax) ENTRO 14 gg dalla data di stipula del contratto

Come faccio a scegliere il fornitore di energia e gas più conveniente
Per avere una informazione completa e complessiva delle offerte presenti nel mercato libero di energia elettrica e gas posso consultare il portale delle offerte dell’Autorità, al sito www.ilportaleofferte.it.

Quando il mio gestore modifica unilateralmente il contratto
La proposta di modifica unilaterale del contratto è inviata dal fornitore quando vuole cambiare delle condizioni già stipulate. La nuova proposta è unilaterale cioè decisa dal gestore senza alcun tipo di negoziazione con l’utente.

Il fornitore ha diritto di modificare il contratto anche senza un giustificato motivo, così come è diritto dell’utente rifiutare la proposta se non la ritiene soddisfacente. Il cliente può di fatto decidere di cambiare offerta e di confrontare altri fornitori per scegliere la migliore tariffa luce e la migliore tariffa gas. Nella comunicazione relativa alle modifiche del contratto deve essere indicato in maniera chiara e comprensibile:

  • le modifiche proposte;
  • i contenuti e gli effetti della variazione in modo chiaro, completo e comprensibile al cliente;
  • la decorrenza della variazione, ossia da quando avviene la modifica;
  • le modalità per la comunicazione del recesso da parte del cliente.

Per effetto del “Decreti Aiuti bis” i gestori non possono modificare unilateralmente il contratto, fino al 30 aprile 2023.

Rateizzazione delle bollette

Alcuni gestori prevedono la possibilità di rateizzare la bolletta, presentando direttamente la richiesta, prima della scadenza, al gestore stesso o rivolgendosi alla nostra associazione. Il numero delle rate è quello previsto dal contratto. In caso di necessità di maggiore rateizzazione, la nostra associazione può avviare le procedure di conciliazione per ottenere un numero maggiore di rate.

Le proposte di Federconsumatori

  • Liberare il prezzo dell’energia (elettricità, gas e carburanti) dalle speculazioni e dalla volatilità dei mercati;
  • Non applicare l’IVA sulle accise sui carburanti;
  • Avviare una riforma complessiva degli oneri generali di sistema che gravano in bolletta;
  • Disporre una sospensione dei distacchi di energia elettrica e gas, ampliando e migliorando gli accordi per la rateizzazione lunga delle bollette;
  • Definire la casistica di morosità incolpevole, allargandola alle difficoltà sopravvenute per i nuclei familiari anche ai fini dell’accesso al bonus sociale;
  • Prevedere un Fondo di sostegno per le fasce meno abbienti per la realizzazione di interventi di riqualificazione energetica degli immobili;
  • Istituire l’Albo dei venditori autorizzati ad operare nel settore dell’energia;
  • Adottare una politica degli acquisti di gas ed energia coordinata e gestita a livello europeo;
  • Favorire una semplificazione amministrativa per favorire la nascita e la gestione delle Comunità energetiche rinnovabili,
  • Rafforzare i compiti di sorveglianza e i poteri sanzionatori delle Autorità indipendenti e di Mr. Prezzi;
  • Attivare presso le prefetture dei comitati territoriali di sorveglianza sui prezzi, coinvolgendo i Crcu;
  • Consultare preventivamente le Associazioni dei Consumatori riconosciute per l’assunzione di provvedimenti in materia di prezzi e politica energetica.

“Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. D.M. 10/08/2020 “

Scarica la nostra brochure

Brochure Energia Settembre (22 download)
231 Visite