You are currently viewing Entro il 2022 nuovo sistema di pagamento sui bus della Regione Emilia Romagna. Il biglietto si potrà acquistare a bordo con carte, bancomat e smartphone

La Regione Emilia Romagna ha annunciato che entro quest’anno in tutti i capoluoghi di provincia, ed entro il 2022 nel resto della Regione, sarà attivo il nuovo sistema di pagamento EMV che si aggiunge alle tradizionali modalità di pagamento e a quelle digitali già consentite dall’app Roger. Entro pochi mesi sarà quindi possibile acquistare il biglietto a bordo semplicemente avvicinando ai nuovi “validatori” la propria carta di credito o debito, lo smartphone o lo smartwatch per essere in regola col titolo di viaggio e continuerà ad essere accettato il biglietto cartaceo tradizionale.

La nuova tecnologia EMV è già operativa da alcuni mesi sul Marconi Express (la monorotaia che collega la stazione dei treni e l’aeroporto di Bologna) e il progetto prevede l’estensione dei nuovi “validatori” fino alla completa copertura dell’intera flotta su gomma nelle quattro aziende regionali Start Romagna, Seta, Tep e Tper. Già dalla prossima settimana, i “validatori” saranno attivi su una linea urbana sia a Bologna sia a Parma.

La Regione informa che i nuovi 1.500 “validatori”, ben riconoscibili dalla colorazione verde smeraldo, sono stati acquistati attraverso una gara per un costo complessivo di oltre 3 milioni di euro, cofinanziati al 50% dalla Regione attraverso fondi comunitari e per il restante 50% dalle aziende di trasporto.

Federconsumatori condivide e sostiene l’obiettivo della Regione per un forte rilancio dell’uso del trasporto pubblico messo in forte crisi dalle restrizioni imposte dalla pandemia da Covid-19. Un rilancio che deve poter contare sul rinnovamento dei mezzi e sull’adozione, come in questo caso, di nuove tecnologie che consentano un più facile accesso al mezzo pubblico, vero cardine della mobilità sostenibile.

S.M.

L.4/17 annualità 2021

345 Visite
  • Categoria dell'articolo:NEWS / TRASPORTI E TURISMO
  • Tempo di lettura:2 min. di lettura