You are currently viewing Vademecum per i cittadini colpiti dall’alluvione nella bassa modenese

Il presente Vademecum raccoglie le domande più diffuse pervenute alla nostra Associazione e offre la risposta che i nostri operatori possono fornire nell’assistenza allo sportello.

LE AZIONI DI FEDERCONSUMATORI

Cosa ha fatto Federconsumatori per gli alluvionati?

Al di là dell’attività di assistenza in senso stretto, Federconsumatori ha avanzato richieste anche sul piano politico per le popolazioni colpite dall’alluvione. In particolare si è mossa per i seguenti settori:

  • banche: richiesta all’ABI regionale, già in proposito interpellata dalla Regione, di concedere la possibilità di sospendere il pagamento dei mutui a richiesta del mutuatario;
  • assicurazioni: è stata contattata l’ANIA chiedendo tempi rapidi per la liquidazione dei sinistri per le polizze sulla casa e sulle auto;
  • bollo auto: per coloro che avessero pagato in anticipo (rispetto al 31 gennaio) il bollo auto e a seguito dell’alluvione hanno perso l’auto, chiediamo alla Regione Emilia Romagna la restituzione di quanto pagato.
  • bollette: è stato richiesto a tutti i gestori di sospendere i pagamenti delle utenze per un periodo congruo (AIMAG ha già provveduto autonomamente in tal senso) e senza interessi. All’Autorità è stato chiesto un provvedimento che esoneri dal pagamento dei consumi dei mesi di gennaio e febbraio in quanto anomali e dovuti ai danni prodotti dall’alluvione;
  • trasporto pubblico locale: è stata contattata AMO per alcune segnalazioni di disservizi durante il periodo dell’emergenza. L’Agenzia si è detta pienamente disponibile a verifcare ogni segnalazione e ad adottare eventuali interventi necessari;
  • problematiche sanitarie: Federconsumatori si è associata alla richiesta di CGIL verso la Regione di concedere alle persone vittime dell’alluvione una esenzione sui ticket sanitari. Sono stati inoltre attivati contatti con le ASL per i problemi igienici derivanti dalle acque esondate.

Federconsumatori intende porre in essere azioni per l’accertamento delle responsabilità e il risarcimento alle vittime dell’alluvione?

Sulle cause dell’alluvione e sulla individuazione delle responsabilità stanno lavorando a livello istituzionale sia la Procura della Repubblica  sia una Commissione nominata dalla Regione ed a queste sedi istituzionali Federconsumatori guarda con fducia , non sovrapponendo perizie di propri tecnici. Laddove venisse avviata un’azione penale e ne venisse ravvisata l’utilità/opportunità, l’Associazione si riserva di raccogliere adesioni di cittadini danneggiati per costituirsi parte civile secondo le normali regole processuali. 
È invece escluso l’esercizio di azioni di classe: quella ex art. 140/bis Cod. consumo in quanto non attuabile nei confronti di una Pubblica Amministrazione, quella ex d. lgs. 198/2009 in quanto non ha fnalità risarcitoria.

L’adesione ad uno dei Comitati alternativi cosa comporta? Posso essere assistito comunque? Non c’è nessuna preclusione ad avere assistenza anche per chi abbia aderito ad altri comitati, purché si iscriva, senza oneri, a Federconsumatori. L’adesione a un comitato di per sé non ha conseguenze particolari, spesso tra l’altro si tratta di rivendicazioni politiche quindi estranee allo scopo dell’attività di Federconsumatori. Se tuttavia si conferisce mandato ad un avvocato, questo ovviamente instaura un rapporto di prestazione d’opera che comporta dei costi, salvo diversi accordi e preclude che sulla stessa controversia intervenga anche la nostra Associazione . 

Quando e dove posso trovare Federconsumatori sul territorio alluvionato?

Federconsumatori sarà presente presso la sede provvisoria della CGIL a Sorbara, Piazza Sandro  Pertini 50, il lunedì e giovedì dalle 14:30 alle 18:30 dal 10 febbraio al 10 marzo, data in cui si valuterà se sarà utile continuare o meno con presenze dedicate ed eventualmente modifcando sede e orari se necessario. Resta inteso che i consumatori possono sempre rivolgersi alle altre sedi FEDERCONSUMATORI Sede di via Mar Ionio, 23 • 41122 MODENA • Tel: 059 260 384 • Fax: 059 260 446 
Mail: info@federconsumatori-modena. it –  Web: http://www.federconsumatori-modena.it 

Quanto costa l’assistenza di Federconsumatori?

Per coloro che sono rimasti vittime dell’alluvione e si rivolgono per tale motivo all’Associazione l’assistenza sarà gratuita. Verrà comunque richiesta, senza oneri, l’iscrizione all’Associazione, in assenza della quale un’attività di assistenza sarebbe statutariamente vietata.

  • PROBLEMATICHE LEGATE ALLE UTENZE

I contatori sono stati allagati e devono essere sostituiti. Chi sopporta i costi? I costi per la sostituzione di un contatore danneggiato sono a carico del gestore, in quanto di sua  proprietà. Il nuovo allacciamento è urgente, quali tempi hanno i gestori per provvedere e come si può sollecitare in caso di ritardo? Non si tratta di vero e proprio nuovo allacciamento, ma di sostituzione del contatore con uno nuovo che di norma avviene nello stesso momento. Trattandosi di fornitura attiva, il ripristino deve avvenire entro qualche ora (AEEG dice entro 3-4 ore). Se ci sono ritardi, è necessario segnalare, mediante comunicazione scritta, al venditore la problematica che a sua volta la girerà al distributore di zona. 

Non ho ancora la linea telefonica, come posso fare per sollecitare un intervento urgente di Telecom?

Occorre segnalare il disservizio/guasto al call-center o via fax ai numeri

Telecom residenziale: telef. n. 187 fax n. 800000187 
Telecom business: telef. n. 191 fax 800000191 
I tempi di risoluzione del guasto previsti dalla carta dei servizi Telecom sono di 48 ora, se i tempi si protraessero a causa della grave situazione derivante dall’alluvione, gli utenti devono essere costantemente informati sulla gestione del guasto.

  • LA COMPILAZIONE DEL MODULO PER L’ACCERTAMENTO DEI DANNI

Abito in condominio: per i danni alle parti comuni dobbiamo provvedere pro quota o ci pensa l’amministratore? Per le parti comuni provvede senz’altro l’amministratore, utilizzando sempre il modulo B scaricabile dal sito del Comune o della Regione. 

Devo allegare una perizia asseverata al modello B da compilare entro i 28 febbraio? Il modello esclude espressamente che , in questa fase, sia richiesta una perizia asseverata a dimostrazione dei danni. Questo coerentemente alla fnalità di questo modello, che è di fornire un primo censimento dei danni alla Regione per poter quantifcare le risorse complessivamente necessarie. È tuttavia probabile, ancorché in questa fase non si possano avere certezze né in un senso né in un altro, che quando vi sarà da richiedere un contributo a tutti gli effetti questa perizia venga richiesta, sia per dimostrare il nesso causale (cioè che il danno è effettivamente imputabile all’alluvione e non esisteva già prima) sia la coerenza dell’importo quantifcato. A quel punto andrà anche chiarito chi sostiene i costi della perizia, ma per ora non è possibile aggiungere  
altro.

Sono un professionista del settore, posso fare da solo una perizia asseverata?

Per ora la perizia non è richiesta e per il futuro non è ancora possibile rispondere, ma logica vuole che sia un terzo a dover svolgerla e quindi che non sia possibile. 

Per i mobili devo allegare preventivi?

Come non è richiesta la perizia, a maggior ragione non sono richiesti ora preventivi né allegazione di fatture se magari sono ancora conservate perché i mobili erano stati acquistati di recente. Tuttavia può essere utile chiedere un preventivo per avere un’idea del valore del danno subito che va indicato nella domanda, ricordandosi che in futuro non si potrà mai più chiedere nulla i più di quanto indicato nel modello B .

I miei elettrodomestici non sono più funzionati, devo farmi rilasciare una certifcazione dal tecnico? E se li ho già buttati come da istruzioni del Comune?

Se possiedo ancora gli elettrodomestici ma un tecnico ha verifcato che non sono funzionanti né riparabili, è utile che questo tecnico mi faccia una dichiarazione di non riparabilità (può anche chiedere un compenso per l’uscita e l’attività di verifca eseguita). Se li ho già buttati perché sommersi dall’acqua e quindi chiaramente non più funzionanti ed anzi pericolosi, specifcherò questa circostanza nell’apposita sezione del modello B, meglio se corredata di foto che lo dimostrino. 

Anche per le auto serve la dichiarazione di non riparabilità?

Anche per le auto è bene avere foto delle condizioni in cui si sono ritrovate e dichiarazione dell’autoriparatore di non riparabilità . 

Le foto dei danni devono essere allegate obbligatoriamente? E se non sono signifcative? Posso allegare un CD (o u video su DVD) anziché stamparle tutte?

Allegare le foto non è obbligatorio, ma è fortemente consigliato (chi non ha provveduto ed ha ancora i mobili/auto/elettrodomestici danneggiati è bene lo faccia prima di buttarli). Se dalla foto si vede poco per la presenza di un alto strato di fango non è rilevante, anzi questo è signifcativo di come era la situazione e quindi vanno comunque bene. Le foto possono essere allegate anche su CD o DVD (comunicato congiunto dei Comuni di Bomporto e Bastiglia del 31 gennaio). L’indicazione del DVD porta a ritenere che siano validi anche i flmati , ancorché il modello B parli sempre di foto, non fosse altro perché in qualcosa di ampio ci rientra anche qualcosa di meno e dai flmati possono comunque trarsi foto. 

Non sono esperto di edilizia e non so come quantifcare le spese per impianti e danni strutturali: cosa posso fare?

Il fatto che le perizia non siano obbligatorie non esclude certo che possano essere richieste (ma attenzione che sono costose e non è detto corrispondano al modello ce poi verrà richiesto). Senza bisogno di perizia ossono comunque essere richiesti preventivi a ditte specializzate,  cautelandosi anche rispetto a possibili imprevisti in corso d’opera, per avere un’idea del possibile  
costo degli interventi. 

Avendo perso le mie auto ho dovuto noleggiarne una: posso chiedere il risarcimento di questo maggior esborso?

Ad oggi il modello B disponibile è fnalizzato a quantifcare il danno nel senso del solo lucro cessante e non anche del danno emergente. Non pare quindi che vi sia alcun voce idonea ad indicarli. Nella descrizione del danno tuttavia può essere utile specifcare che si è dovuta noleggiare un’auto . 

Avevo appena pulito i pozzi neri ma è stato consigliato di ripetere l’intervento. Posso inserire questa spesa nel conteggio dei danni?

Vedi risposta alla domanda precedente, poiché la fattispecie è analoga. 

Il termine del 28 febbraio è perentorio?

Dalla formulazione parrebbe di sì , anche se gli uffci sembrano essere orientati a tollerare comunque qualche sforamento. Tuttavia è opportuno fare il possibile per rispettare il termine, pur non escludendosi che si possa avere una proroga più avanti: quanto prima la Regione potrà quantifcare i danni, tanto prima si metterà in moto il meccanismo per trovare le risorse, erogare i fnanziamenti, pagare i contributi, ecc. 

Ho perso nell’alluvione tutti i documenti contrattuali di polizza, cosa posso fare?

Posso chiederne copia all’agenzia con cui ho stipulato la polizza o, se anche questa è danneggiata, direttamente alla Compagnia . L’eventuale rifuto può essere segnalato all’IVASS. 

Come posso sapere se la mia polizza per calamità copre il danno che ho subìto?

Non è possibile offrire una risposta standard perché occorre leggere ciascun singolo contratto per  capire quali rischi copre e quindi valutare se il danno può essere risarcito. 

Come viene valutato il valore dell’auto? Si fa riferimento a quattroruote o posso ottenere quello che è il valore attuale di quel tipo di auto?

Per giurisprudenza costante della Cassazione, il danno non corrisponde alla somma occorrente per un veicolo nuovo, ma al massimo al valore, appunto determinabile anche con Quattroruote, del veicolo precedente andato distrutto. 

  • GLI ADEMPIMENTI FISCALI

Avevo appena pagato il bollo per un’auto che è andata distrutta: posso averne la restituzione?

Il d.l. 4/2014 esclude espressamente che, per i tributi sospesi fno a 31 luglio, possa chiedersene la restituzione se già pagati e in generale questo è ribadito anche dalla Regione Emilia-Romagna in riferimento proprio all’alluvione. Tuttavia, è regola generale, sempre nella nostra Regione, che quando il veicolo stesso, entro la data ultima per pagare il bollo, compresi eventuali proroghe e slittamenti, sia stato oggetto di  demolizione, l’intestatario è esonerato dal pagamento; così che, se aveva già pagato in anticipo, potrebbe chiederne la restituzione come pagamento non dovuto. È comunque necessario un chiarimento della Regione. 

Devo pagare il bollo auto per la mia auto danneggiata?

Il bollo è sospeso fno al 31 luglio e quindi fno a quella data può non essere pagato . Se l’auto entro questo periodo viene rottamata perché non riparabile, vale l’esonero dal pagamento . 

Non avevo ancora pagato il canone RAI: posso considerarlo sospeso come gli altri adempimenti fscali?

Il canone RAI ha natura tributaria per cui vale la sospensione e può essere pagato entro il 31 luglio. 

  • QUESTIONI LEGATE ALLE BANCHE

Esistono prestiti agevolati per gli alluvionati?

Le banche locali (Unicredit, BPER, BSGSP-BPV, San Felice 1893, ecc.) hanno deliberato lo stanziamento di prestiti e mutui a tassi agevolati . Si tratta comunque di operazioni di  finanziamento a tutti gli effetti, per le quali valgono dunque i normali diritti e doveri dei  consumatori, salvo la caratteristica commerciale di essere meno onerose. Le singole banche hanno  fissato le condizioni per l’accesso . 

Posso chiedere la sospensione del mutuo? Questo comporta maggiori oneri?

Non è prevista per legge alcuna sospensione obbligatoria , il che è un bene perché la sospensione, salvo che vi fosse una espressa previsione in senso diverso, consente di posticipare i pagamenti, ma questo comporta l’accumulo di ulteriori interessi. Alcune banche locali (per ora, a quanto consta,  Unicredit, BSGSP-BPV e San Felice 1893) hanno deciso spontaneamente di offrire questa  possibilità ai clienti che ne facciano richiesta : occorre tuttavia fare bene i conteggi e chiedere come ambia il piano di ammortamento prima di decidere.

2.847 Visite
  • Categoria dell'articolo:CASA / NEWS
  • Tempo di lettura:11 min. di lettura