Dal 1° settembre 2018, parte “Mi muovo anche in città”, l’integrazione tariffaria tra treno e servizi in area urbana, offerti gratuitamente dalla Regione a chi possiede un abbonamento ferroviario superiore ai 10 km o superiore a 1 zona con origine e/o destinazione nelle 13 città dell’EmiliaRomagna con più di 50 mila abitanti: Bologna, Modena, Reggio Emilia, Parma, Piacenza, Ferrara, Ravenna, Cesena, Forlì, Rimini, Carpi, Faenza, Imola.

Facendo seguito alle numerose richieste di chiarimento da parte di utenti, comitati ed associazioni la Regione Emilia Romagna ha predisposto un dettagliato vademecum (allegato) difficilmente sintetizzabile e di cui prendere visione. Sempre allegata anche l’illustrazione delle modalità di rimborso della integrazione urbana eventualmente già pagata sugli abbonamenti annuali Mi Muovo e il modulo per la richiesta di rimborso.

Viene confermata (per ora) l’esclusione della possibilità di utilizzo gratuito degli autobus del servizio interurbano nelle tratte urbane, ancora oggetto di confronto con alcuni gestori del TPL.
Stante la complessità della materia, ancora oggetto di approfondimenti, si invitano gli utenti a fare riferimento alle sedi Federconsumatori e al sito dedicato della Regione al link: http://mobilita.regione.emilia-romagna.it/

modulo_rimborso-13ago18.pdf (526 download)
1.847 Visite
  • Categoria dell'articolo:NEWS / TRASPORTI E TURISMO
  • Tempo di lettura:1 min. di lettura